.
Annunci online

ceccanti
blog di diritto parlamentare e costituzionale comparato
20 ottobre 2017
Lezioni restanti di ottobre
  • La lezione di lunedì 23 ottobre dalle ore 12 alle 14 sarà effettuata presso il Senato della Repubblica secondo le modalità spiegate a lezione.

  • La lezione del 24 ottobre confluisce in Aula A dalle ore 14 alle ore 16 col corso del prof. Caravita dove si svolgerà un confronto sulla questione catalana tra i professori Caravita, Ceccanti e Curti Gialdino.

  • La lezione del 25 sarà regolare

  • lunedì 30 ottobre sul tema

    "Raccontare il Parlamento"

    interverranno il dott. Giovanni Innamorati (Agenzia Anda) e la dott.ssa Daniela Preziosi (Il Manifesto)





permalink | inviato da stef1 il 20/10/2017 alle 20:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
20 ottobre 2017
Spostamento ricevimento
Il ricevimento di lunedì 23 è spostato a martedì alla stessa ora (11-12)



permalink | inviato da stef1 il 20/10/2017 alle 8:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
18 ottobre 2017
Lezione n. 12 sintesi

Nella lezione di oggi è intervenuto il Dott. Alessio Falconio, Direttore di Radio Radicale che ha esposto l’importante servizio pubblico che svolge l’emittente radiofonica.

 Radio Radicale nacque nel 1975 come organo di informazione non legato, per volontà di Marco Pannella, al partito radicale italiano. L’obiettivo dei suoi fondatori, tutti militanti al partito radicale, era far vedere il loro concetto di servizio pubblico scollegato dallo statale. 

L’emittente, che grazie ai suoi 180 ripetitori riesce a coprire tutto il territorio nazionale, riceve un finanziamento pubblico di 10.000.000 di euro per trasmettere nei suoi palinsesti il 60% delle sedute del Parlamento. Radio Radicale introdusse un modello di informazione politica innovati basata sulla diretta integrale delle sedute parlamentare, prima affidato ai soli resoconti e articoli di giornali. La Radio oltre alla messa in onda delle suddette sedute trasmette anche i lavori delle commissioni, eccetto quelle del senato, proibite per regolamento, i processi giudiziari più importanti e le assemblee nazionali dei partiti. Tutto il materiale audiovisivo è archiviato nel sito della radio e liberamente consultabile.




permalink | inviato da stef1 il 18/10/2017 alle 11:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
18 ottobre 2017
lezione n. 12 la registrazione audio video

Raccontare il Parlamento il lavoro di Radio Radicale col direttore Alessio Falconio
https://www.radioradicale.it/scheda/522563/raccontare-il-parlamento-il-lavoro-di-radio-radicale



permalink | inviato da stef1 il 18/10/2017 alle 11:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
18 ottobre 2017
Lezione n. 11

Lezione 11

La lezione di martedì 17 ottobre è stata caratterizzata dall’intervento del dott. Vincenzo Smaldore, a capo dell’associazione “Openpolis”. L’intervento ha illustrato i meccanismi di funzionamento della piattaforma online, vera e propria novità nel panorama dell’informazione politico-parlamentare italiana.

In ambito nazionale, infatti, la complessa dinamica parlamentare viene raramente riportata per intero, e con sufficiente approfondimento, dai media, molto più concentrati a semplificare i messaggi politici e ad incentrare la propria attenzione sulle vicende di contorno. A questo proposito, un recente rapporto AGCOM ha analizzato l’approfondimento portato avanti dalle 4 principali reti RAI, dalle 4 ammiraglie Mediaset e dalle reti all-news SKY: dal report dell’Agenzia per le Comunicazioni è emerso che, la settimana precedente il referendum costituzionale del 4 dicembre scorso, si è parlato del tema, nel complesso delle 12 reti analizzate, per sole 20 ore, con spazi dedicati alle spiegazioni neutre di sole 2 ore in un’intera settimana.

Openpolis ha dunque tentato di colmare la mancanza di un’informazione neutra inerente la politica in generale e i processi parlamentari in particolare. Il suo sito è strutturato come un network di piattaforme, ciascuna delle quali tende a rispondere ad una precisa, e semplice, domanda specifica:

· OPENPOLITICI, la prima piattaforma mira a rispondere all’esigenza di conoscere i circa 120.000 politici italiani nominati o eletti tra le varie amministrazioni locali e nazionali italiane; la piattaforma prende anzitutto la sua base dati dal Ministero dell’Interno, aggiornandoli con maggior frequenza rispetto alla fonte istituzionale e rendendoli accessibili al pubblico;

· VOI SIETE QUI, questa seconda piattaforma è attivata durante le varie campagne elettorali; l’associazione interroga i singoli gruppi politici a riguardo di tematiche particolarmente calde e care al dibattito elettorale; a seconda delle risposte dei partiti, la piattaforma offre ai cittadini l’opportunità, attraverso un questionario, di collocarsi politicamente e capire quale partito, in quella campagna elettorale, è più vicino alle idee del singolo;

· OPENPARLAMENTO, è probabilmente il progetto più conosciuto e seguito del network; la piattaforma mira ad introdurre elementi di accountability nella politica italiana, attraverso l’adozione di due indicatori. Anzitutto l’indice di partecipazione alle votazioni parlamentari, che però monitora il solo comportamento d’aula, mancando i dati delle votazioni in Commissione. E l’indice di produttività parlamentare che è applicato a ciascun rappresentante del popolo e monitora l’iter degli atti da questi presentati (per ciascuna legislatura sono presentati circa 500.000 atti di media). Tale indicatore in specie ha consentito di giungere ad una prima conclusione: sussiste una marcata correlazione tra produttività e posizione istituzionale del parlamentare. Questa correlazione non è invece dimostrata tra produttività e presenza. Secondo Smaldore, dunque, anche in Parlamento chi riesce ad incidere sul processo legislativo, è una minoranza, un’élite corrispondente a circa un decimo dei parlamentari che consiste nei rappresentanti che hanno ruoli chiave all’interno del governo o delle commissioni.

· OPENBILANCIO, è l’ultima piattaforma attualmente esistente, consiste in un progetto teso a rendere trasparenti i bilanci dei comuni italiani, i quali sono aggiornati periodicamente e permettono di constatare quanto ciascun comune stia spendendo in generale e come, in quali settori, stia impiegando le proprie risorse.




permalink | inviato da stef1 il 18/10/2017 alle 11:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
<<  1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6  >>

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 779857 volte




IL CANNOCCHIALE