Blog: http://ceccanti.ilcannocchiale.it

lezione famiglie giuridiche - 20/03/18

Volumidi riferimento:

-         F.Lanchester, “Gli strumenti della democrazia”, Giuffré, Milano, 2004, pp. 17-35

-         G.Morbidelli,L.Pegoraro, A.Rinella, M.Volpi, Diritto pubblico comparato, Giappichelli,Torino, 2016, pp. 31-39; 63-76

-         G.De Vergottini Parte Prima Cap. I

 

Famigliagiuridica: “la tecnica e i modi di espressione del diritto che influenzano nonsoltanto i componenti del gruppo, ma anche il funzionamento delle istituzioni”.

Glielementi caratterizzanti la “famiglia giuridica” sono:

-latecnica del diritto e il metodo giuridico;

-iprincipi filosofici, politici ed economici

 

Qualisono le principali famiglie giuridiche: Diversi criteri di classificazionedelle famiglie giuridiche, parametri assoluti o relativi.

A)Romano-germanica (diritto continentale, civil law)

B)Diritto comune (common law)

C)Diritto socialisti

D)Diritti religiosi

 

CIVILLAW

Possiamodistinguere storia del diritto in più fasi:

Antica

Medioevale

Rinascimento

Moderna-contemporanea

 

Lescuole:  Glossatori; Post-glossatori;Scuola che studia i diritti nazionali; Scuola rivoluzionaria

 

COMMONLAW : quando e dove nasce

Ilcommon law è il diritto comune a tutta l’Inghilterra che a partire dall’XIsecolo venne elaborato dalle corti regie di Westminster create a seguito dellaconquista normanna del 1066.

Ruolodei giudici itineranti per la diffusione di un diritto comune a tuttal’Inghilterra: i giudici regi erano componenti le corti centrali, venivano incontatto con le consuetudini locali in giro per il paese, le rielaboravano e leassorbivano. Ciò porta alla diffusione del common law

I4 significati (famiglia che si contrappone al civil law, diritto comune,diritto giurisprudenziale, diritto che si contrappone all’Equity)

Qualisono le sue caratteristiche?

antichitàe continuità

mancanzadi una codificazione

naturagiudiziaria

storicitàdel diritto

resistenzaal diritto romano

Periodidel common law

1)Anglosassone

2)1066-1485

3)1485 - 1875

4)1875 - fino a oggi

 

I3 pilastri: 1) giustizia itinerante, 2) affermazione corti regie, 3)sistema deiwrits

Curiaregis : 5 giudici. Enrico II nel 1178 stabilì che i giudici si stabilissero inmodo permanente a Londra a svolgere la normale amministrazione della giustizianella curia regis con sede a Westminster Hall . La Curia regis nacque come unorgano che coadiuvava il sovrano nelle funzioni legislative, esecutive egiudiziarie.

àampia: magnum concilium : il futuro Parlamento

àristretta: common conciulium, da cui derivano poi le 3 corti di Westminster

1)dello scacchiere: finanze

2)delle udienze comuni (common pleas): cause civili

3)del banco del re king’s bench: questioni generali

 

Ilsistema dei Writs

Unaltro pilastro del common law: WRIT ossia un ordine dato dal re allo sceriffo perchévenisse fatta giustizia e quindi accolta la richiesta per cui colui che hasubito un’offesa venisse risarcito.

Grazieal writ i sudditi potevano ricorrere alle corti regie (il ricorso non eraautomatico per i sudditi)

PEROGNI FATTISPECIE = NUOVO WRIT , fino al 1258 (Provisions of Oxford) quandoviene limitata la possibilità di creare nuovi writs àblocco del sistema che viene tamponatoutilizzando i writs esistenti in modo più ampio.  Ciò porta alla nascita di un sistema digiustizia parallelo, ossia l’equity.

Inquesto nuovo sistema parallelo, il re coinvolge il Cancelliere (court ofchancery) che diviene corte monocratica

 nell’amministrazione delle cause e questo dal1474 inizia a decidere in nome proprio.

Losviluppo dell’equity determinò un conflitto tra la corte di Cancelleria e lecorti di Common Law, il cui culmine si ebbe all’inizio del XVII secolo.

Ilcompromesso tra i due sistemi si raggiunge nel 1616 quando il re Giacomo I emetteun provvedimento che stabilisce la superiorità dell’equity (nel caso dicontrasto tra decisioni di Common Law e di equity, sarebbero prevalse questeultime). Tale decisione non portò alla fine del Common Law, perché ilCancelliere non abusò del suo potere, cominciando anzi a sentirsi vincolato daipropri precedenti. Il sistema di Common Law e quello di equity continuarono adagire parallelamente fino alla riforma dei Judicature Acts del 1873-1875 cheeliminò ogni distinzione tra corti di Common Law e corti di equity e diede vitaad un nuovo sistema di corti.

 

FONTIDEL DIRITTO NEL COMMON LAW

Principali:sentenze e leggi

Secondarie:consuetudini e dottrina

 

Siparte da caso concreto si vede se esiste già una sentenza che disciplina lamateria sennò caso simile : quindi interpretazione

Igiudici applicano una tecnica (tecnica della distinzione) che applicano perdistinguere i casi precedenti e valutarli.

Lasentenza non è tutta vincolante, lo è solo la ratio decidendi = nucleonormativo vincolante della sentenza, mentre il resto è obiter dictum cioèragionamento

 

Fontisecondarie: consuetudine e dottrina. La loro operatività riguarda ciò che leggee sentenza ignorano. Dottrina: per conoscere il common law (dirittogiurisprudenziale) è necessaria la raccolta delle sentenze che viene fatta apartire dal 1700 in poi. Per dottrina quindi si intendono i libri dal 1100 e1700 che parlano common law.

 

 

 

 

Pubblicato il 20/3/2018 alle 15.48 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web